Opinione: Cosa significa’ La Grande Rassegnazione ‘ per la tua azienda

Problema: un impressionante 52 per cento dei dipendenti intende cercare un nuovo lavoro nel 2021, secondo Achievers’ Employee Engagement & Retention Report. Questo numero non è una sorpresa per le aziende in tutta la nazione.

Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha riferito che 11,5 milioni di lavoratori hanno lasciato il lavoro da aprile a giugno da solo. Mentre i tassi di turnover e la carenza di manodopera aumentano negli Stati Uniti, molti datori di lavoro si chiedono perché i lavoratori se ne vanno e cosa si può fare per costruire la ritenzione.

La pandemia ha innescato arresti economici e licenziamenti successivi in tutti gli Stati Uniti, ma per i lavoratori che sono rimasti impiegati, 2020 ha agito come il pulsante di reset. I dipendenti hanno usato il loro tempo per riflettere su ciò che apprezzano di più nella loro carriera: maggiore flessibilità, soddisfazione sul lavoro e un equo compenso. Molti dipendenti hanno sperimentato livelli senza precedenti di stress e incertezza nel loro lavoro e nella vita personale. Alcuni lavoratori si sentivano disconnessi dopo essere stati costretti a lavorare in remoto, mentre altri apprezzavano la flessibilità e l’equilibrio vita-lavoro fornito dal lavoro virtuale. La pandemia ha dato a tutti l’opportunità di fermarsi, guardare dentro e fare passi significativi verso il miglioramento delle loro circostanze.

L’anno scorso è stato il pulsante di reset, e il 2021 è stato il momento di agire. Abbiamo costruito la tolleranza all’ambiguità e al cambiamento, e alla prima indicazione di un ritorno alla normalità, i dipendenti hanno iniziato ad agire. Cosa hai da perdere quando il cambiamento è diventato il tuo nuovo normale? I lavoratori hanno preso il controllo della propria vita professionale e, in un’esclamazione quasi sincrona, hanno presentato i loro documenti di dimissioni alla ricerca di nuove opportunità.

Questo “Tsunami del fatturato” è motivo di preoccupazione. Recruiting, hiring e onboarding sono processi costosi che richiedono tempo e risorse considerevoli. I posti vacanti aumentano gli oneri per le squadre attuali, il che non fa che esacerbare i sentimenti di stanchezza e stress. È importante che i datori di lavoro identifichino le cause alla radice del turnover dei dipendenti nella loro organizzazione prima che la situazione diventi instabile.

Stiamo assistendo a un massiccio cambiamento nelle esigenze dei lavoratori ed è fondamentale che i datori di lavoro prendano il tempo per adattarsi alle realtà di una forza lavoro post-pandemica. Ho delineato alcune considerazioni importanti per i datori di lavoro mentre lavorano per reclutare e trattenere i talenti durante questo periodo di transizione.

1. Ascolta i tuoi dipendenti e dai loro una voce. Sii proattivo, non reattivo alle preoccupazioni dei tuoi dipendenti.

La tua organizzazione dovrebbe fornire opportunità ai dipendenti di offrire input e i datori di lavoro dovrebbero ascoltare e rispondere in modo appropriato.

L’avvertenza: approfitta di questa opportunità solo se hai intenzione di affrontare le preoccupazioni e rispondere di conseguenza. Non c’è niente di peggio per un dipendente che essere chiesto di rispondere a un sondaggio o dare input, solo per essere lasciato senza feedback, una soluzione o supporto.

2. Costruisci offerte competitive su cui i tuoi lavoratori sono effettivamente eccitati.

Mentre la compensazione competitiva può guidare l’attrazione e la ritenzione dei dipendenti, i dipendenti pesano anche pesantemente l’ambiente di lavoro nelle loro decisioni di carriera. Un carico di lavoro gestibile, colleghi di supporto e collaborativi e vantaggi competitivi possono spesso superare al di sotto dei salari di mercato in una decisione individuale di entrare in un’azienda o organizzazione. I dipendenti sono alla ricerca di ambienti di lavoro in grado di supportare una buona qualità della vita, una lezione che molti di noi hanno capito dalla pandemia.

3. Pratica empatia e comprensione.

Molti di noi hanno imparato attraverso la gestione del nostro ambiente di lavoro attuale che c’è molto sul piatto di tutti. Che si tratti del nuovo hyflex o delle condizioni di lavoro a distanza, delle responsabilità in competizione (salute personale, salute familiare e compiti a casa) o dell’adattamento alle nostre ipotesi in continua evoluzione sulla nostra “nuova” normalità della vita quotidiana e della sicurezza personale, i dipendenti stanno lottando per gestire il giorno per giorno.

Prendetevi il tempo per il check-in con i dipendenti su come stanno gestendo come un modo per aprire la porta alla conversazione in un ambiente in cui ci si sente a proprio agio la condivisione. Consentire loro di usufruire di orari di lavoro più flessibili (incluso il lavoro a distanza) e ricordare loro altre opportunità di supporto (ad esempio programmi e politiche di congedo).

Per ulteriori informazioni sulle opportunità del programma personalizzato attraverso l’Ufficio di Executive Education dell’UCHS College of Business, contattare il Dr. Meghan Stidd all’indirizzo

No Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *